IL FESTIVAL

L'IDEA

Nella suggestiva cornice dell’isola di Ventotene, scelta appositamente per la sua storia e la sua geografia, si svolge il Festival Letterario Gita al Faro, nato da un’idea di Lidia Ravera e gruppo di professioniste dell’editoria in collaborazione con il Comune di Ventotene e promosso dall’Associazione per Santo Stefano in Ventotene Onlus che insieme ad altre realtà locali contribuiscono alla realizzazione del progetto. La direzione artistica del Festival, il cui titolo trae ispirazione dall’omonimo romanzo di Virginia Woolf, è affidata a Loredana Lipperini. «Un coraggioso drappello di militanti delle letteratura» viene invitato a trascorre una settimana sull’isola per scrivere un inedito ispirato a e da Ventotene e Santo Stefano. La settimana prevede la scoperta del territorio e del suo patrimonio artistico, culturale, storico e sociale, presentazioni presso la libreria dell’isola e momenti di condivisione e confronto fra gli scrittori intorno alla letteratura, alla cultura in genere e al suo ruolo contemporaneo, echi lontani dei circoli letterari e intellettuali di altra epoca. Un privilegio, ma anche un richiamo ad un impegno sociale.
Durante il fine settimana il festival si apre al pubblico per la lettura dei racconti, sullo sfondo di un magnifico scenario naturale a picco sul mare. Le letture sono accompagnate dalle musiche composte per l’occasione dal pianista e compositore Valerio Vigliar. La manifestazione persegue la finalità di tutela e rilancio del patrimonio storico, artistico e ambientale dell’isola di Ventotene e Santo Stefanoe, per affermare la vocazione isolana di centro propulsore da cui tutto è cominciato e può ricominciare. Nasce a Ventotene infatti il manifesto Per un’Europa libera e unita, il documento per la promozione dell’unità europea redatto da Altiero Spinelli e Ernesto Rossi durante il periodo di confino negli anni quaranta. Il festival testimonia la volontà di offrire una proposta culturale di prestigio. Promuovere la cultura nel nostro Paese è ancora possibile, anzi è un dovere. Rappresenta il contributo nel progettare il futuro e nel rendere gli uomini aperti e liberi.
DIREZIONE ARTISTICA

Loredana Lipperini è giornalista e scrittrice.
Nata a Roma, collabora da molti anni con le pagine culturali di “la Repubblica” e “Il Venerdì” ed è fra i conduttori di Fahrenheit su Radio Tre.
Ha pubblicato: Invito all’ascolto di Johann Sebastian Bach (Mursia, 1984), Don Giovanni (Editori Riuniti, 1987; Castelvecchi, 2006), Mozart in rock (Sansoni, 1990; il Saggiatore, 2006), Generazione Pokémon (Castelvecchi, 2000), La notte dei blogger (Einaudi Stile Libero, 2004).
Feltrinelli ha pubblicato Ancora dalla parte delle bambine (2007), Non è un paese per vecchie (2010) e Di mamma ce n’è più d’una (2013).
Nel 2013 Laterza ha pubblicato L’ho uccisa perché l’amavo, scritto con Michela Murgia. E ancora Pupa con illustrazioni di Paolo d’Altan per Rrose Sélavy nel 2013, Questo trenino a molla che si chiama il cuore per Laterza nel 2014, Schiavi di un dio minore, con Giovanni Arduino per Utet nel 2016 e L’arrivo di Saturno per Bompiani nel 2017.
ORGANIZZAZIONE


L’Associazione per Santo Stefano in Ventotene Onlus ha il fine di promuovere ogni utile iniziativa diretta al recupero e alla valorizzazione dell’ex carcere borbonico di Santo Stefano e degli edifici connessi, nella convinzione che un luogo simbolo della memoria collettiva italiana e del processo di formazione dell’identità nazionale debba essere sottratto al degrado seguito alla sua chiusura nel 1965, restituendolo al patrimonio storico-artistico italiano e destinandolo a sede di iniziative permanenti che ne consentano l’uso ed il godimento sia ai visitatori che a studiosi e ricercatori.
A tale scopo l’Associazione mette a disposizione le competenze e l’esperienza dei propri soci per sviluppare proposte di intervento in collaborazione con istituzioni italiane ed europee, enti pubblici e privati, università e centri di ricerca interessati ad operare per la salvaguardia dell’isola di Santo Stefano. L’Associazione promuove inoltre attività culturali e artistiche finalizzate alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e ambientale delle isole di Ventotene e Santo Stefano.

Ente Promotore: Associazione per Santo Stefano in Ventotene Onlus
Con il contributo e il patrocinio del Comune di Ventotene
Con il contributo di Mare di Circe, Città della Cultura della Regione Lazio 2019
Con la collaborazione di: Libreria Ultima Spiaggia, Lega Navale, Hotel Borgo Cacciatori, ristorante Il Giardino di Ventotene, Terra Maris, bar Verde, La Terrazza di Mimì

Da un’idea di Lidia Ravera
Direzione artistica: Loredana Lipperini
Direzione organizzativa: Francesca Mancini, Laura Pesino, Vania Ribeca
Fotografa ufficiale del Festival: Paola Libralato